Anche a Piacenza una rete di minilibrerie, al via il progetto BookBox

Anche a Piacenza una rete di minilibrerie, al via il progetto BookBox

L’idea è semplice quanto perfetta per coniugare le attitudini dei ragazzi autistici (ripetere una serie di azioni, poter maneggiare i loro tanto amati libri e anche spostarsi in auto) con un altro obiettivo: migliorare i luoghi della città, regalare storie, rasserenare adulti e piccoli e promuovere la lettura nelle sale d’attesa come momento di evasione.

L’iniziativa è stata presentata con una conferenza stampa presso la biblioteca Ragazzi Giana Anguissola, a illustrare i dettagli sono intervenuti l’assessore al Nuovo Welfare Stefano Cugini, la responsabile comunale dei Servizi per le non autosufficienze Giulia Maria Cagnolati, la direttrice delle attività socio-sanitarie dell’Azienda Usl Costanza Ceda, la presidente dell’associazione Oltre l’Autismo Maria Grazia Ballerini e il direttore della Psichiatria di collegamento del Dipartimento di Salute mentale dell’Azienda Usl Corrado Cappa.

Per tutti coloro che vorranno aderire al progetto all’interno della propria attività commerciale o studio, verrà creato uno speciale angolo BookBox con una libreria. La cura e l’aggiornamento periodico di volumi e riviste sono affidati ai ragazzi autistici. Accompagnati da educatori esperti, una volta al mese, i protagonisti di questo progetto consegnano i volumi, garantendo un ricambio continuo dei titoli, al fine di assicurare una buona scelta a chi ritorna più volte nello stesso luogo.

BookBox è un esempio di welfare di comunità, capace di coinvolgere istituzioni, associazioni e cittadini e di riconnettere le risorse e le forze del territorio per rispondere meglio ai bisogni delle persone e delle famiglie. L’obiettivo è quello di rendere questo progetto sostenibile e di farlo diventare una vera e propria esperienza lavorativa.

Ecco perché tutti possono contribuire, con grandi e piccoli gesti.

– Chiunque può donare un libro nuovo oppure usato: i punti di raccolta in città sono sette. Si raccolgono volumi di libri per bambini, fumetti, narrativa, saggistica breve, gialli, poesia… anche in lingua straniera.

– Medici, farmacisti, parrucchieri, estetisti o titolari di attività con una sala d’attesa possono portare BookBox all’interno dei propri spazi. Sottoscrivendo un abbonamento (con una donazione di 100 euro) potranno posizionare una libreria e ricevere un aggiornamento di libri e riviste una volta al mese. Per informazioni basta scrivere a progettobookbox@gmail.com o telefonare allo 0523/302508.

Il progetto BookBox a Piacenza è realizzato grazie alla sinergia tra l’associazione Oltre l’Autismo, l’Azienda Usl e il Comune di Piacenza.

COME SOSTENERE IL PROGETTO

Dona un libro per BookBox

Per mantenere vivo e interessante il servizio, c’è bisogno di un costante approvvigionamento di libri e riviste. È possibile donare libri purché in buono stato.

Si raccolgono libri per bambini e ragazzi di vari generi letterari anche in lingua straniera: fiabe, fumetti, fantasy, gialli, poesie e filastrocche.

In diversi punti della città, è possibile trovare i Bookbox per la raccolta dei libri.

Ospedale di Piacenza

(ingresso Polichirurgico) – Cantone del Cristo

(ingresso nucleo antico ) – Via Taverna

Libreria Coop

c/o Centro Commerciale Gotico – via Emilia Parmense, 28 Piacenza

Libreria Fahrenheit 451

Via Legnano, 4 Piacenza

Libreria Mondadori

Corso Vittorio Emanuele, 101 Piacenza

Libreria “La Fabbrica dei Grilli”

via Roma, 171 Piacenza

Centro per le Famiglie di Piacenza

Centro Civico Farnesiana – via Torricella 7/9

Adotta un BookBox

Chi è interessato ad aderire al progetto BookBox, posizionando nella propria sala d’attesa una libreria

con una serie di volumi che periodicamente saranno rinnovati, può scrivere al seguente

indirizzo progettobookbox@gmail.com o telefonare allo 0523/302508.

Con una donazione di 100 euro all’anno è possibile adottare un BookBox. Verrà consegnata una libreria personalizzata con il logo di BookBox da posizionare nella sala d’attesa e una volta al mese i ragazzi sostituiranno i libri presenti.

Donazione liberale

È possibile sostenere il progetto Book Box attraverso una donazione liberale. Grazie ai fondi raccolti, è possibile sostenere il progetto e contribuire all’acquisto di nuovi libri e riviste che i ragazzi potranno distribuire nelle sale d’attesa.
Per effettuare una donazione

ASSOCIAZIONE OLTRE L’AUTISMO onlus

IBAN IT98S0515665411CC0350005414

Causale “Progetto Book Box”

Le donazioni liberali sono deducibili ai fini fiscali.