L’IDEA

BookBox nasce da un’idea di Marilena Zacchini e si fonda su due presupposti: 1. Definire una serie di azioni che tutti i ragazzi autistici (ad alto e a basso funzionamento) possono svolgere senza difficoltà, come ad esempio inserire oggetti in una borsa, trasportare una borsa con i manici e togliere oggetti da una borsa per riporli su uno scaffale; 2. Pensare a quello che i ragazzi autistici amano in modo particolare, come ad esempio lo sportarsi in auto. O i libri, che per forma, colore, profumo e consistenza rientrano fra gli interessi speciali dei ragazzi autistici. Marilena Zacchini, educatrice professionale svolge attività di formazione e supervisione  nell’ambito dell’intervento psicoeducativo con persone con disturbo dello spettro autistico. Nel corso della sua carriera ha contribuito a creare modelli di servizi per le persone autistiche e a promuovere strumenti di valutazione. Nell’ambito dell’autismo è fra le curatrici dell’edizione italiana del TTAP (Teacch Transition Assessment Profile), finalizzato alla valutazione delle abilità significative per il raggiungimento dell’autonomia in contesti di vita quotidiana da parte di soggetti con disturbi dello spettro autistico. Inoltre, ha contribuito a dare impulso alla formazione di operatori, insegnanti, volontari e famiglie che quotidianamente lavorano a fianco di queste persone.