BookBox a Firenze

Il progetto Book Box è un servizio al territorio, offerto dal centro Casadasè, che si occupa di distribuire i libri, donati dalle case editrici Giunti, Mondadori e Mandragora, nonché dalle famiglie dei nostri utenti, presso ambienti di carattere sanitario. Nello specifico sono 10 gli studi fiorentini che si sono resi disponibili e che ringraziamo:

  • Farmacia Comunale n.2, via Tavanti 18 -50134 Firenze
  • Studi Medici Via Filandia n.18 -50126 Firenze
  • Studi medici Via Giolitti n.40 -50146 Firenze
  • Pediatra dr. Andrea VannocciVia Lorenzo il Magnifico n.71 – 50129 Firenze
  • Studio Colibrì Via Masaccio n.219 – 50132 Firenze
  • Pediatra dr.ssa Sonia Innocenti Via Ponte di Mezzo n.1 – 50100 Firenze
  • Studi Medici via disan Niccolo’ 30 – 50132 Firenze
  • Studi Medici Via Silvani n.61/63 – 50125 Firenze
  • Associazione “Le Curandaie” via D. Cirillo 2L -50133 Firenze
  • Studi Medici Dr Gherardo Bologni via Sacchetti 5r- 50133 Firenze

Questa “libreria itinerante” è gestita da  educatori e da 10 utenti, i quali si occupano della cura e della distribuzione del materiale, durante gli incontri del gruppo di abilità sociali. In questo gruppo gli obiettivi sono quelli di promuovere, rafforzare e mantenere quelle abilità che sono necessarie per vivere nel contesto sociale a cui, tutti i giorni noi e i nostri ragazzi, siamo chiamati doverosamente a partecipare. L’entrare in contatto con altre persone, saper svolgere attività in un contesto naturale, eseguire mansioni coordinate da un referente, collaborare con colleghi, riuscire a pianificare il tragitto per giungere presso la destinazione designata, sono tutte abilità che il progetto book box mira a far acquisire e/o generalizzare e sono coerenti con quella che è la nostra mission principale: rendere maggiormente indipendenti i nostri ragazzi.

Oltre ciò, il potersi sentire utili e gratificati per un’attività svolta, aumenta il senso di autoefficacia dei soggetti coinvolti e riduce quelle sensazioni di ansia e frustrazione che spesso inibiscono, o rendono più difficoltosi, i nuovi apprendimenti.

Questa attività, oltre ad avere un effetto potenziante nei ragazzi aventi una qualche forma di Disturbo Pervasivo dello Sviluppo, ha la funzionalità di restituire, anche ad un pubblico di non esperti, un’immagine di loro come persone attive, capaci e potenzialmente funzionali in grado di potersi integrare nella società e, soprattutto, di svolgere alcune mansioni lavorative. Ciò è molto importante in quanto non credere che ciò sia possibile è uno dei più grandi ostacoli che i nostri ragazzi sono costretti a fronteggiare.

Book Box è un progetto di carattere nazionale che si avvale della supervisione della dr. Marilena Zacchini, consulente di numerose strutture che seguono persone affette da Disturbo dello Spettro Autistico, e ci impegneremo per poter ampliare il servizio da noi già offerto.